Eventi

EnoArte a Calici ad Agliè

Unire con l’Arte, creando un capolavoro, il vino e la ceramica, due prodotti del territorio Piemontese che rappresentano in maniera efficace la terra che la ospita,  che la Rogai, con grazia e  sapienza,   rende immortali nel tempo

Grandi novità in questa ottava edizione che si è svolta sabato 8 luglio in Piazza Castello ad Agliè (TO), e che ha reso ancora più interessante un importante evento enogastronomico canavesano dell’estate.

Sabato 8 luglio a partire dalle 19,30  la kermesse è entrata nel vivo con 42 produttori vitivinicoli (del Consorzio Tutela Caluso, Carema, Canavese e all’associazione dei Giovani Vignaioli Canavesani) e 22 tra produttori, trasformatori agroalimentari e chef protagonisti assoluti dell’evento realizzato sotto la direzione artistica di Daniele Lucca di Wine Voice Radio&Podcast e con la collaborazione della Pro Loco di Agliè.

Ospiti dell’edizione ‘23 sono stati la Barbera d’Asti della Cantina Post Dal Vin e quella dell’azienda Terre del Barbera di Rocchetta Tanaro, di cui è titolare il direttore d’orchestra Beppe Vessicchio, oltre a Giuseppe Calabrese, gastronomo, docente e conduttore di Linea Verde su Raiuno e il presidente nazionale di Assoenologi Riccardo Cotarella. Per accompagnare i vini sono stati chiamati 22 tra Maestri del Gusto, chef e aziende agricole e artigiane agroalimentari locali, insieme ai collaudati chef vercellesi per i risotti.

Ma in un vero firmamento di stelle il clou della manifestazione è stata l’Artista fiorentina Elisabetta Rogai, che, con la sua EnoArte® ha incantato la platea, le Autorità, le cantine, la stampa dipingendo live su una insolita tela d’artista rappresentata da una eccellenza del territorio, un piatto di ceramica de La Castellammonte di Roberto Perino e Silvana Neri, usando, al posto dei colori tradizionali, un vino del Consorzio dei Vini del Canavese.

Si conferma anche ad Agliè  il “messaggio” iconico che l’Artista vuole comunicare, infatti non è la prima volta  che Elisabetta Rogai ci porta ad un insolito abbinamento, in questo caso,  la ceramica usata come inedita tela d’artista che lei usa per dipingere con il vino.

Unire con l’Arte, creando un capolavoro, il vino e la ceramica, due prodotti del territorio Piemontese che rappresentano in maniera efficace la terra che la ospita,  che la Rogai, con grazia e  sapienza,  fa vivere diventando capolavori della natura, che l’artista rende immortali nel tempo dandogli un’anima.

www.elisabettarogai.it

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio