Musica

Ecco “Love Sux”, Avril Lavigne è tornata e ha l’energia di una ragazzina

Esce il il 25 febbraio il nuovo album della popstar canadese che ritrova lo slancio pop-punk degli esordi

Pronti a salire sulle montagne russe con Avril Lavigne? La cantante canadese torna con un nuovo album a tre anni di distanza dal precedente lavoro di inediti.Il 25 febbraio esce “Love Sux” ed è un vero concentrato di adrenalina . “Questo è l’album più rock e alternativo che abbia mai fatto – dice lei -, è il disco che ho sempre voluto realizzare e mi ha dato la possibilità di collaborare con artisti incredibili”. Tra questi ci sono Travis Barker, Machine Gun Kelly Blackbear.

Sono passati esattamente 20 anni da quando “Complicated” rivelò al mondo una ragazzina canadese dalla personalità ribelle. Da allora per Avril Lavigne di acqua sotto i ponti ne è passata moltissima: autrice di album multi-platino, cantautrice, designer, filantropa e otto volte nominata ai Grammy. Ma l’animo ribelle non si è sopito. Anzi. “Love Sux” ce la restituisce in una forma smagliante che sembra riportare direttamente ai tempi degli esordi. 

 

“Il lockdown mi ha permesso di dedicarci tantissimo tempo e ho trovato un entusiasmo tale come se fosse il primo album – dice parlando del disco -. Non non c’è stata pressione, la vita è breve, quindi è tempo per me di divertirmi”. Attraverso le dodici tracce che compongono l’album Avril ha modo di presentare le diverse sfaccettature della sua personalità. Dall’esplosiva apertura di “Cannonball” alla chiusura di “Break of a Heartache” è un viaggio spedito tra le difficoltà della vita affrontate in modo impertinente, divertente e persino spensierato, un album per sé ma anche per l’ascoltatore per spronarlo a reagire ai rapporti difficili.’agilità del disco la si può notare subito dalla durata dei pezzi, quasi tutti sotto i tre minuti eccezion fatta per tre canzoni che in ogni caso restano entro i tre minuti e mezzo, pienamente nei canoni del punk-pop (e il fatto che il disco esca per l’etichetta di Travis Barker la dice lunga in tal senso). A questo album Avril Lavigne è arrivata dopo un percorso su sé stessa e sulle relazioni avute: “Sì, l’amore è difficile e le relazioni non sono facili. Non è facile per nessuno e ora ho vissuto abbastanza a lungo per rendermi conto che ho bisogno di dare la priorità a me stessa e prendermi cura di me stesso”.

 

Articoli correlati

Back to top button