Senza categoria

ECCO LIBERATO

Scoperta l'identità del rapper misterioso che ha fatto dell'anonimato una cifra della sua carriera

Il rapper “mister X” ha un nome. Liberato, l’artista napoletano che dal 2017 ha fatto dell’anonimato una sua cifra (e una delle ragioni del suo successo), avrebbe un nome. A rivelarlo – involontariamente – sarebbe stata la Siae, la Società italiana autori ed editori che tutela gli interessi di cantanti, musicisti e compositori. Ma il merito della scoperta sarebbe di un tenace fan, che ha lavorato con pazienza certosina per dare un’identità al suo artista preferito. Il dubbio, ora, è se Liberato apprezzerà o meno l’originale manifestazione di passione.

Per anni media, esperti e soprattutto fan si sono chiesti chi si celasse dietro l’autore di brani come “E te veng’ a piglià” e “Me staje appennenn’ amò”, diventati veri anthem per un pubblico trasversale, ma formato soprattutto da giovani. Tanti i nomi spuntati, numerose le ipotesi avanzate. Per esempio Livio Cori, ex fidanzato di Anna Tatangelo, lo scrittore e poeta di Scampia Emanuele Cerullo o, ancora, il dj e conduttore radiofonico pugliese Wad. Tutte piste rivelatesi errate. E così Liberato ha continuato a “giocare” sul mistero, forte del suo giubbotto con la scritta Liberato e del cappuccio utilizzato per coprire il volto durante le esibizioni dal vivo.

Ora, invece, la scoperta – ancora non confermata, ma molto accreditata. Liberato sarebbe Gennaro Nocerino, cantante e produttore napoletano. Un nome che era già affiorato nella ridda di possibili identità, soprattutto per quella che alcuni fan avevano definito una marcata somiglianza fra le voci. A togliere l’ultimo velo è stata la pagina Instagram specializzata in gossip The Pipol, che ha svelato come un fan del rapper sarebbe giunto alla risoluzione dell’equazione Liberato = Gennaro Nocerino. Come è arrivato al risultato? Con un’attenta comparazione fra i credit Siae delle canzoni dell’autore della colonna sonora del film “Ultras”, accorgendosi di un presenza ricorrente del nome di Nocerino. A questo punto resta una domanda: il Liberato “smascherato” – se davvero l’esito della ricerca del suo seguace è corretto – si svelerà come Gennaro Nocerino? O continuerà ad agire “al coperto”? Ai posteri l’ardua sentenza.

 

Articoli correlati

Dai un'occhiata anche
Close
Back to top button