TV

Il divorzio è ufficiale: Amadeus lascia la Rai e va al Nove

Clamoroso divorzio, se ne va il conduttore degli ultimi cinque Festival di Sanremo.

(Roma)-Ufficiale. Amadeus lascia la Rai. Un incontro tra il conduttore e il direttore generale di Viale Mazzini, Giampaolo Rossi, ha sancito il divorzio. Una decisone ormai nell’aria da qualche tempo. E ora ufficializzata. Alla base, da quel che trapela, la volontà di impegnarsi in nuove sfide professionali, che lo attendono – ormai è da dare per assodato a quanto risulta al Sole 24 Ore – sul canale Nove del gruppo Warner Bros Discovery.

Quella di Amadeus è stata una scelta di cui Rossi avrebbe preso atto, nonostante gli sforzi fatti dalla Rai nelle ultime settimane per trattenere il conduttore di Affari Tuoi e degli Ultimi cinque festival di Sanremo. Un impegno che però è stato portato avanti in parallelo con la decisione sui successori di Amadeus in due programmi di punta di Viale Mazzini. In questo quadro al Festival dovrebbe riapprodare Carlo Conti. Mentre per Affari Tuoi la scelta sarebbe caduta su Stefano De Martino, considerato uno dei giovani con maggior talento nella scuderia di Viale Mazzini.

 

Il conduttore dei record: 227 milioni di euro di pubblicità in 5 anni

Si è quindi consumato, in un clima definito comunque come cordiale, un divorzio che ha del clamoroso, perché Amadeus in questo momento era il conduttore più importante a viale Mazzini. Il suo successo è stato in costante ascesa, culminato con la conduzione di ben cinque Festival di Sanremo consecutivi, in un crescendo di ascolti ma anche di introiti pubblicitari: basti pensare che dal primo anno la raccolta è salita di 23 milioni di euro (dai 37 milioni del 2020 ai 60 del 2024), per un totale nei cinque anni di 227 milioni di euro. Numeri eccellenti.  Una situazione precipitata in meno di mese. Sembrano ormai preistoria le parole pronunciate il 14 marzo scorso dall’amministratore delegato Roberto Sergio in elogio al conduttore: «Credo che Amadeus sia un professionista unico nel suo genere e sono felice che possa arricchire ogni sera il palinsesto della Rai con la sua presenza».

Il no di Amadeus a una proposta quadriennale della Rai

Come detto, secondo quanto risulta riportato dal Sole 24 Ore ci avrebbe provato in tutti i modi la Rai a tenere Amadeus a bordo, con una proposta di 4 anni. Del resto il conduttore lascia dietro di sé numeri inequivocabili da Re Mida che ha trasformato il Festival di Sanremo in una miniera, certificata dai 60,182 milioni di euro di raccolta dell’ultima edizione della kermesse. E quanto agli ascolti basta andare con lo sguardo alla serata di ieri, domenica 14 aprile 2024, in cui Rai 1 ha concluso senza rivali l’access prime time con “Affari Tuoi” che continua a mantenersi stabile oltre i 5 milioni e mezzo (5 milioni 520) con il 28,4% di share.

Warner Bros. Discovery terzo editore italiano

Questo il possibile plus in arrivo per una Warner Bros. Discovery che – come detto al Sole 24 Ore dall’ad di Warner Bros. Discovery in Italia e Sud Europa Alessandro Araimo – ha da tempo chiarito di essere nelle condizioni di crescere e di far crescere il parco dei suoi talent. In Italia il big dei media statunitense ha un portfolio multipiattaforma di 15 canali oltre a discovery+, la piattaforma Ott on demand. L’editore – terzo in Italia dopo Rai e Mediaset – nelle prime trentuno settimane di questa stagione, secondo le elaborazioni su dati Auditel da parte dello Studio Frasi, ha messo a segno un +14,25% negli ascolti sul giorno medio (762.783, con l’8,82% di share) e del 22,57% in prima serata (1,73 milioni con l’8,63% di share). Davanti ci sono Mediaset (37,73% di share) e la Rai (36,94%) nel giorno medio e Rai (37,65%) e Mediaset (36,87%) in prima serata.

Articoli correlati

Dai un'occhiata anche
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio