Arte & Cultura

Un affresco ottoniano della cattedrale di Augusta risalente all’anno 1000

Sarebbe uno dei dipinti più antichi trovati a nord delle Alpi, insieme a quelli della Chiesa di San Giorgio a Oberzell, sul Lago di Costanza.

(Augusta, Germania)- Non si vede più molto. Un fiore, alcune sagome, elementi architettonici … Questo è ciò che resta dei più antichi affreschi della cattedrale di Augusta oggi. Scoperti nel 1930 e nel 1980 sotto uno strato di intonaco bianco, erano stati datati – erroneamente – intorno al 1065. Almeno cinquant’anni più vecchi, questi dipinti sarebbero infatti più contemporanei all’anno 1000 che alla battaglia di Hastings .

Annunciato a dicembre dal  Bayerisches Landesamt fur Denkmalpflege  (BLD), l’istituzione responsabile del patrimonio storico del Land di Baviera, l’origine della scoperta risale al restauro della struttura della cattedrale di Augusta iniziato nel 2009. D ‘ secondo i dettagli riportati da  The Art Newspaper  , una datazione dendrocronologica di frammenti di legno impegnati nella muratura dove sono collocati gli affreschi, nel prospetto del transetto della cattedrale, ha rivelato che questa sezione della chiesa risaliva ai dintorni dell’anno 1000. ” Ciò corrisponde a ciò che sappiamo sulla distruzione di massa del 994 ” , ha detto Birgit Neuhäuser, portavoce del BLD, in riferimento al crollo digran parte dell’edificio carolingio alla fine del X.esimo secolo.

Una delle principali sedi episcopali in questo momento, la cattedrale di Augusta fu ricostruita abbastanza presto dopo il crollo del 994, come indicano recenti scoperte nell’archeologia edilizia. La data del 1065 inizialmente proposta corrisponde alla consacrazione del capezzale romanico della chiesa. La datazione degli affreschi, presumibilmente affrescati, permette di assimilarli alle primissime fasi dei lavori di riqualificazione dell’edificio, in epoca ottoniana. Datato mezzo di X e nel bel mezzo del XI ° secolo, l’ottoniana detto corrisponde periodo ad una transizione nella lingua territori tedeschi tra i periodi carolingia  e romanica , che si è manifestato in particolare nei campi dell’architettura e delle arti.

Ulteriori indagini sono previste per il sottotetto della cattedrale. “Nonostante le aree di colore siano gravemente deteriorate, è stato possibile identificare due scene e i resti di una terza”, afferma un comunicato della diocesi. La scena dell’esecuzione con Erode in trono e la decapitazione del Battista è conservata sulla parete est e la sua sepoltura sulla parete ovest. Le scene della nascita e del nome di Giovanni Battista, presumibilmente affisse al muro sud, furono probabilmente distrutte a metà del XIV secolo quando fu costruita la finestra gotica meridionale.

 

Tra i dipinti più antichi conservati nell’Europa centrale

Molto parzialmente conservati, gli affreschi rappresentano la rimozione e la sepoltura di San Giovanni Battista. ” I murales scoperti sono il ciclo più importante conosciuto dal periodo intorno all’anno 1000 nell’area di lingua tedesca, a parte Oberzel “, ha detto in una nota Mathias Pfeil, direttore di BLD. Situata a quasi 140 km a sud ovest di Augusta, la Chiesa di San Giorgio a Oberzell, sull’isola di Reichenau, è infatti nota per i suoi dipinti del periodo ottoniano, prima dell’anno 1000. ed è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Altri dipinti della Cattedrale di

Gli affreschi sono stati puliti e restaurati da funzionari del patrimonio bavarese e continueranno a essere al centro dell’attenzione degli specialisti tedeschi finché continueranno i lavori sulla struttura della cattedrale. ” Sono in condizioni stabili e durevoli ” , ha affermato Birgit Neuhäuser. Abbastanza da assicurare agli affreschi di San Giovanni Battista di vegliare forse ancora mille anni sulla navata bavarese.

 

 

 

Articoli correlati

Dai un'occhiata anche
Close
Back to top button