Attualità

È morto Roberto Maroni

Aveva ricoperto anche la carica di presidente della Regione Lombardia. Era malato da tempo.

(Varese)-Roberto Maroni, ex ministro ed ex segretario della Lega, è morto nella sua casa nel Varesotto all’età di 67 anni.Maroni, che dal 2013 al 2018 aveva ricoperto anche la carica di presidente della Regione Lombardia, era malato da tempo. Con Umberto Bossi aveva condiviso gli inizi della Lega Nord. Dal 2021, quando ha scoperto la malattia che lo ha condotto alla morte, si era ritirato dalla politica attiva. I funerali si terrano venerdì mattina a Varese.

La famiglia di Maroni: “Addio, inguaribile ottimista” – “Lunedì notte alle 4 il nostro caro Bobo ci ha lasciato. A chi gli chiedeva come stava, anche negli ultimi istanti, ha sempre risposto ‘bene’. Eri così Bobo, un inguaribile ottimista. Sei stato un grande marito, padre e amico”. Con queste parole la famiglia di Roberto Maroni ne ha annunciato la morte. Per poi aggiungere una frase di Emmily Dickinson: “Chi è amato non conosce morte, perché l’amore è immortalità, o meglio, è sostanza divina”. E poi l’ultimo saluto: “Ciao Bobo”.

Gli inizi della Lega con Bossi – Nato a Varese nel 1955, Roberto Maroni è stato per oltre vent’anni uno degli uomini politici più importanti d’Italia. A scuola fu uno studente di Legge che votava Democrazia Proletaria. L’incontro nel 1979 con Umberto Bossi cambiò la sua vita e se “lui è il papà della Lega, io ne sono la mamma”, spiegava. Perché da quel giorno la politica diventò il suo lavoro, mentre il calcio e la musica restarono solo passioni. Continuò sempre ad andare a San Siro a vedere il Milan e a suonare blues con l’organo Hammond nella sua band, i Distretto 51, oltre ad ascoltare i dischi del suo idolo Bruce Springsteen.

 

Tre volte ministro – Fu tra gli 80 leghisti che rappresentarono per la prima volta la Lega in Parlamento nel 1992. Per due volte assunse il ruolo di ministro dell’Interno (dal 1994 al 1995, ricoprendo anche l’incarico di vicepresidente del Consiglio, e dal 2008 al 2011) e ministro del Lavoro e delle Politiche sociali dal 2001 al 2006.

Segretario della Lega – Nell’aprile del 2012 Maroni fece parte del triumvirato che fino al congresso della Lega venne incaricato di sostituire la carica di segretario del partito lasciata da Bossi. Tre mesi dopo, al congresso, venne eletto segretario, rimanendo in carica dal 1º luglio 2012 al 15 dicembre 2013, quando gli subentrò Matteo Salvini (che nel salutarlo lo ha definito  “Leghista sempre e per sempre” ). Ma tutta la vita politica di Maroni è stata legata alla Lega, con rapporti non sempre facili sia con Bossi sia con Salvini. Da braccio destro del senatur, infatti, ne è diventato avversario in più occasioni, a partire dalla caduta del primo governo di centrodestra nel 1995 quando si oppose alla sfiducia decisa da Bossi, venendo allontanato dal partito.

Presidente della Regione Lombardia – Nel 2013, alle Regionali in Lombardia, venne eletto presidente con il 42,8% dei voti. Non si ricandidò poi alle elezioni successive del 2018. Aveva annunciato la sua candidatura per diventare sindaco di Varese, ma la malattia lo ha costretto a rinunciare un anno fa. Nel 2021 fu chiamato dal viminale a presiedere  la Consulta contro il caporalato .

A gennaio 2021 il ricovero dopo un malore – Risale a Gennaio 2021 il ricovero all’Ospedale di Varese in seguito a un malore . Maroni si trovava all’interno della sua abitazione a Lozza (Varese), quando si accasciò a terra. Dimesso poco dopo, aveva commentato: “E’ stata dura ma ora è tutto sotto controllo. Mi sto sottoponendo agli accertamenti del caso ”  . Erano quindi seguiti altri ricoveri, a Varese prima e Milano poi, e un intervento.

Articoli correlati

Dai un'occhiata anche
Close
Back to top button