Attualità

Europa League. Barella e Lukaku regalano la semifinale all’Inter, Bayer Leverkusen battuto 2-1

I nerazzurri segnano al 15' e al 21', i tedeschi accorciano al 24' con Havertz. La squadra di Conte non concretizza alcune importanti occasioni e soffre nel finale. Ora attende l'avversario dal confronto fra Shakhtar e Basilea

(Dusseldorf) L’Inter batte il Bayer Leverkusen 2-1 e accede alla semifinali di Europa League, dove affronterà la vincente di Shakthar-Basilea. Succede tutto nel primo tempo, coi gol di Nicolò Barella e Romelu Lukaku per i nerazzurri e di Kai Havertz per le Aspirine.

DUESSELDORF, GERMANY – AUGUST 10: Romelu Lukaku of Inter Milan celebrates after scoring his sides second goal during the UEFA Europa League Quarter Final between FC Internazionale
Barella e Lukaku per una grande Inter. Poi si intromette Havertz – Parte fortissimo l’Inter, con pressing alto e velocità di gioco. Il canovaccio della partita è piuttosto chiaro fin da subito, per i nerazzurri, che si affidano principalmente alla protezione di Lukaku spalle alla porta e agli inserimenti dei centrocampisti. Nasce così il primo gol, bellissimo, di Nicolò Barella: tacco di Lautaro, inserimento di Young che si appoggia proprio sul belga e pallone che rimpalla al limite dell’area dove arriva l’ex Cagliari che con un grande esterno destro trova l’1-0. 6 minuti dopo, è il 21′, stesso svolgimento: Young trova Romelu Lukaku dentro l’area, questa volta il belga fa tutto da solo proteggendo palla e calciando in caduta verso la porta di Hradecky. E’ il 2-0. Il Bayer però è vivo e trova subito il gol del 2-1 con Kai Havertz, bravo a saltare Bastoni, duettare con Volland e trovare il tocco ravvicinato decisivo. Al 28′ entra in scena anche il VAR: Del Cerro Grande fischia un rigore per l’Inter, ma l’on field review lo fa tornare sui propi passi giudicando il braccio di Sinkgraven attaccato al corpo.

Inter, ancora tante occasioni nella ripresa – Nella ripresa le squadre sembrano volersi allungare maggiormente. Fatto che ovviamente favorisce i cambi di fronte. E come nel primo tempo i primi minuti sono tutti di marca nerazzurra: Gagliardini ci prova da dentro l’area ma Lukaku, involontariamente, “para” la sua conclusione. Lo stesso 5 nerazzurro è bravo pochi minuti dopo a farsi 50 metri di campo palla al piede, ma dalla sua conclusione nasce solo un angolo.
Cambi a ripetizione, Conte lancia Eriksen e Sanchez – Il Leverkusen si vede con una bella conclusione da fuori di Demirbay, l’Inter spreca un’altra palla gol con i due neo entrati: Eriksen inventa una palla geniale per Sanchez che tutto solo stoppa e spara verso la porta. Ma il tiro è centrale e Hradecky è nuovamente bravissimo a chiudere lo specchio. Poi sale in cattedra Eriksen: prima lancia in porta Sanchez con una palla meravigliosa ma il cileno tira con poca convinzione su Hradecky. Poi triangola nello stretto con Moses mandando al tiro l’ex Chelsea, para ancora il numero 1 del Bayer.
The trophy is put on display on the pitch before the start of the Europa League final soccer match between Benfica and Chelsea at ArenA stadium in Amsterdam, Netherlands, Wednesday May 15, 2013. (AP Photo/Martin Meissner)
Sanchez si fa male, il VAR toglie un altro rigore all’Inter. Ma alla fine è semifinale – Eriksen protagonista anche al 90′, quando si conquista il rigore che potrebbe chiudere il match: Del Cerro Grande indica il dischetto, ma dopo l’on field review toglie anche il secondo penalty ai nerazzurri. Bosz manda in campo tutti i suoi interpreti offensivi creando un Bayer super offensivo, ma l’Inter nonostante tutto regge, porta a casa la vittoria e stacca il pass per le semifinali di Europa League.

Ecco di seguito il tabellino della gara:

Inter (3-5-2): Handanovic; Godin, De Vrij, Bastoni (39′ st Skriniar); D’Ambrosio (14′ st Moses), Barella, Brozovic, Gagliardini (14′ st Eriksen), Young; Lukaku, Martinez (19′ st Sanchez). A disp.: Padelli, Sensi, Ranocchia, Valero, Esposito, Agoume, Biraghi, Candreva. All.: Conte

Bayer L. (4-2-3-1): Hradecky; L. Bender (40′ st Bellarabi), Tah, Tapsoba, Sinkgraven (23′ st Wendell); Palacios (14′ st Bailey), Baumgartlinger (23′ st Amiri); Havertz, Demirbay, Diaby; Volland (40′ st Alario). A disp.: Ozcan, Lomb, Dragovic, Weiser, Wirtz. All.: Bosz

Arbitro: del Cerro Grande (Spagna)

Marcatori: 15′ Barella (I), 20′ Lukaku (I), 25′ Havertz (L)

Ammoniti: D’Ambrosio, Eriksen, Barella (I), Sinkgraven, Tapsoba (L)

Articoli correlati

Back to top button