AttualitàMusica

Il Mondo della lirica in lutto: morta la celebre soprano Mirella Freni

La soprano aveva 85 anni, amica e compagna di palchi di Pavarotti

(Modena) – E’ morta Mirella Freni, una delle più grandi cantanti liriche di sempre. La celebre soprano si è spenta, dopo una lunga malattia, nella sua casa di Modena. Avrebbe compiuto 85 anni il 27 febbraio. La Freni debuttò giovanissima, a 19 anni, al Teatro Comunale di Modena con la “Carmen” di Georges Bizet. Nel 2015 il teatro alla Scala di Milano e il Teatro Pavarotti di Modena, in occasione dell’ottantesimo compleanno, organizzarono una serata in suo onore.

Impossibile elencare tutte le produzioni che l’hanno vista protagonista preferita dai direttori d’orchestra e dai registi più famosi del nostro tempo, come Von Karajan, Giulini, Pretre, Kleiber, Solti, Abbado, Sinopoli, Muti, Osawa, Visconti, Strehler, Zeffirelli, Ronconi, Barrault, Ponnelle. Vanta una vastissima produzione discografica e numerose registrazioni radiotelevisive e cinematografiche. Ancora all’apice della carriera, nel 2005, decise di abbandonare le scene per dedicarsi all’insegnamento del canto lirico. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti: Cavaliere di Gran Croce dello Stato italiano, le insegne della Legion d’Onore in Francia, l’onorificenza di Kammersaengerin in Austria e Germania, il sigillum magnum dell’Ateneo di Bologna, la nomina ad accademica effettiva di Santa Cecilia. I sindaci di Miami e New York le hanno consegnato le chiavi delle città, l’università di Pisa le ha conferito la Laurea honoris causa in lingue e letterature straniere; l’Oscar della lirica a Verona, il Midem Classical Awards a Cannes. Nel 2005 il Metropolitan di New York ha organizzato un gala per celebrare i suoi quarant’anni dal debutto in quel teatro e i cinquant’anni di carriera. Nel 2015 il teatro alla Scala di Milano e il Teatro Pavarotti di Modena hanno dedicato una serata in suo onore, in occasione dell’ottantesimo compleanno: una festa voluta anche per regalarle l’ultimo abbraccio di una città e di una terra innamorate dalla musica che non la dimenticheranno.

«Con Mirella Freni se ne va una delle più grandi soprano che abbia mai calcato i palcoscenici della lirica mondiale. Una voce indimenticabile e una persona straordinaria. Una perdita per l’intero panorama culturale italiano e per l’Emilia-Romagna e per Modena, la sua città, in cui era nato lo straordinario legame artistico con l’altra grande voce di queste terre, l’indimenticato Luciano Pavarotti». È così che Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia-Romagna, ricorda Mirella Freni, la grande soprano scomparsa oggi. «A tutti noi – conclude Bonaccini – rimarrà per sempre il suo ricordo e quello di memorabili interpretazioni. Un esempio da seguire per tanti giovani artisti, così come i molti che da lei hanno imparato porteranno avanti il suo insegnamento. È l’intera comunità regionale a stringersi attorno al suo ricordo e ai suoi familiari».

Si svolgeranno mercoledì alle 14.30, nel Duomo di Modena, i funerali di Mirella Freni. La camera ardente sarà aperta lunedì e martedì dalle 8.30 nella casa funeraria Terracielo Funeral Home di via Emilia Est 1320, a Modena. Mercoledì, il 12 febbraio, sarà possibile un ultimo saluto al teatro comunale «Luciano Pavarotti» in Corso Canalgrande, dalle 10 alle 14, da dove partirà il corteo funebre.
Tags

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close