Cinema

Leonardo: la serie storica Rai arriva in tv il 23 Marzo

Aidan Turner dal capitano Poldark al genio Da Vinci

Forse era uno dei prodotti Rai più attesi del 2021 dopo il trionfo negli anni della serie “I Medici – Masters of Florence”, alla cui realizzazione ha lavorato Frank Spotnitz, nuovamente impegnato in questo nuovo spaccato rinascimentale che ci racconterà, appunto, la storia romanzata del maestro Da Vinci.

Le aspettative sono altissime, dopo che per tre stagioni de I Medici siamo letteralmente incollati allo schermo a seguire prima le vicende di Cosimo de’ Medici, interpretato da Richard Madden, noto al grande pubblico per il suo ruolo di Robb Stark ne Il trono di spade. E nelle due stagioni a seguire, abbiamo ripercorso le tappe della storia di Lorenzo il Magnifico, il cui volto è Daniel Sharman, star di Teen Wolf, The Originals e di Fear The Walking Dead, affiancato, nei panni del fratello Giuliano de’ Medici, da Bradley James, il re Artù dell’amatissima serie Merlin.

Insomma mamma Rai ci ha abituato a cast stellari che hanno ben funzionato nella cornice di sceneggiature di un livello altissimo, tanto da aver meritato il paragone con le grandi produzioni Sky e HBO. Stesso dicasi per il lavoro fatto coi costumi, coi soundtracks e con tutti quei dettagli che servono a rendere uno show non solo bello da vedere, ma anche credibile.

Ecco perché da Leonardo, con la scelta di Aidan Turner come protagonista e di Spotnitz fra gli sceneggiatori, ci aspettiamo altrettanto. 

La trama della serie Leonardo

Leonardo Da Vinci, figlio illegittimo di un notaio toscano, sin da bambino immerso nei suoi studi di scienza e arte, crescendo si avvicina ad Andrea del Verrocchio, nella serie l’immenso Giancarlo Giannini, che ne diventa il maestro. Verrocchio aveva lavorato alla corte di Lorenzo de’ Medici e con lui si era formato anche Sandro Botticelli, artista a cui la serie I Medici ha dato lustro col volto dell’attore Sebastian de Souza, che aveva precedentemente recitato nella produzione storica I Borgia.

Nella bottega del Verrocchio, Leonardo incontrerà quella che poi diverrà la sua musa ispiratrice: Caterina da Cremona, ruolo per il quale è stata scelta l’italiana Matilda De Angelis, divenuta famosa col film “Veloce come il vento” di Matteo Rovere, con coprotagonista Stefano Accorsi.

La De Angelis ha interpretato anche Ambra Scalvino, nella seguitissima serie Rai “Tutto può succedere”, Gabriella nel film L’Isola delle Rose, al fianco di Elio Germano, ed Elena Alves nella produzione HBO “The Undoing” con attori di calibro come Nicole Kidman e Hugh Grant.

Le vicende di Leonardo si intrecceranno, come nella realtà storica, con quelle di Ludovico Sforza, anche detto Ludovico il Moro, che ne fu mecenate e poi ne divenne nemico. Leonardo si recherà alla sua corte a Milano dopo avergli mandato una lunga lettera con le sue referenze, lettera conservata ancora oggi nel Codice Atlantico della Biblioteca Ambrosiana.

Nel corso degli episodi Leonardo si troverà coinvolto in un’accusa di omicidio e conosceremo il personaggio dell’investigatore Stefano Giraldi, il cui ruolo è stato affidato all’attore Freddie Highmore di The Good Doctor. Storicamente Leonardo in gioventù venne accusato di sodomia, insieme a Lorenzo Tornabuoni, imparentato coi Medici. Entrambi ne uscirono assolti e probabilmente la denuncia nei loro confronti, anonima, aveva dei motivi politici. In quanto a una possibile omosessualità di Da Vinci non abbiamo notizie in tal senso, mentre sappiamo con certezza che fu innamorato di Caterina da Cremona.

Vedremo la serie che direzione prenderà e se, dopo gli otto episodi ordinati, si parlerà di sequel o l’arco narrativo sarà già concluso.

Chi è Aidan Turner, l’ex capitano Poldark

Irlandese classe 1983, Aidan Turner, che già brilla nel trailer della nuova serie Leonardo, ci ha conquistati nella serie britannica Poldark, trasmessa da La Effe. Impegnato dal 2015 al 2019 in questa produzione come protagonista, Aidan ha rivestito i panni del capitano Ross Poldark, partito alla volta della Guerra d’Indipendenza Americana, che lo ha tenuto impegnato per circa tre anni e al ritorno dalla quale ha trovato tutta la sua vita cambiata. Elizabeth la donna che amava è promessa a un altro e lui conosce un’altra donna, Demelza, della quale poi si innamora.

Ovviamente quello di Poldark non è il solo ruolo di prestigio avuto da Turner, né il solo in cui lo abbiamo amato, ma di certo è quello per cui i più potrebbero conoscerlo.

Aidan, cari amici amanti del fantasy, è stato anche Kili nella saga Lo Hobbit, ossia il prequel de Il Signore degli Anelli, che ha diviso la critica dopo il grande e ineguagliabile successo di The Lord of the Rings. Kili è un nano, fra gli accompagnatori di Bilbo Baggins nella ricerca del Monte Solitario (Erebor). Nella trasposizione cinematografica è innamorato dell’elfa Tauriel e morirà per salvarle la vita, diversamente dalla narrazione di Tolkien in cui Kili cerca di salvare suo zio Thorin, come lui fra i dodici che accompagnano Bilbo.

Nel 2013 è Luke Garroway in Shadowhunters – Città di ossa, ispirato alla saga di Cassandra Clare, che purtroppo si è fermato al primo film e non ha esplorato tutti gli altri avvincenti capitoli della Clare.

Luke è uno shadowhunter, che in seguito a un morso di lupo, diviene a sua volta un mannaro. E’ innamorato di Jocelyn Fray, che è la mamma di Clary, la protagonista della saga e di cui Luke diviene patrigno e protettore.

Il curriculum di tutto rispetto dell’attore irlandese ci fa sicuramente avere molta curiosità su come avrà preso le sembianze di Leonardo.

Freddie Highmore: da giovane medico affetto da autismo a investigatore rinascimentale

Freddie Highmore è londinese, nato nel 1992, divenuto attore molto presto. Inizia nel 2004 con Neverland – Un sogno per la vita accanto a Johnny Deep e Kate Winslet. Nella pellicola è Peter, un bambino che soffre per la perdita del padre, al quale si lega molto lo scrittore teatrale James Barrie, dopo aver conosciuto sua mamma Sylvie. 

Quando la vedova si ammala di tubercolosi, Barrie mette in scena a casa sua la sua opera più famosa: Peter Pan. Successivamente alla morte di Sylvie viene nominato tutore di Peter e degli altri fratelli e consola Peter nella commovente e illustre scena della panchina di Kensington Park in cui dice al bambino che potrà rincontrare la mamma sull’Isola che non c’è ogni volta che chiuderà gli occhi.

Nel 2005, sempre sul set con Johhny Deep, è Charlie Bucket de La Fabbrica di Cioccolato. Il bambino è figlio di una famiglia piuttosto povera e non mangia mai cioccolato, se non una volta all’anno, in occasione del suo compleanno. Quando Willy Wonka indice un concorso con in premio delle barrette di cioccolato, Charlie si dimostra all’altezza delle sue prove e Willy, col quale, dopo varie vicissitudini, coltiva un rapporto di fiducia e affetto e comincia a lavorare alla fabbrica di cioccolato.

In The Good Doctor Freddie è Shaun Murphy, uno specializzando di chirurgia con grandi capacità mnemoniche e di osservazione. Da piccolo ha sofferto per via di un’infanzia segnata dalle violenze del padre, da quale riesce a scappare insieme a suo fratello, per poi essere preso sotto l’ala protettiva del dottor Glassman che lo incoraggia a diventare medico, riconoscendone le straordinarie abilità, oltre che la sensibilità necessaria a esercitare.

La serie ABC è ormai alla sua quarta stagione e ha un enorme seguito sia negli Usa, dove è stata prodotta, che in Italia. Per il ruolo di Shaun Murphy, Freddie Highmore ha ricevuto nel 2018 una nomination ai Golden Globe come migliore attore di una serie televisiva drammatica.

Come per Aidan Turner siamo totalmente in hype per scoprire in che modo ci conquisterà questa volta ( e se lo farà) il nostro Freddie.

Va senza dire che la straordinaria e lunga carriera del nostro connazionale Giancarlo Giannini non ci fa dubitare neanche un secondo che Andrea del Verrocchio sarà un personaggio ben strutturato e speriamo abbastanza significativo nello screentime da rubarci un po’ di cuore.

 Il 23 Marzo è alle porte!

 

Articoli correlati

Back to top button