#ioscattotuscrivi

#Arteingalleria #Leopardi e Van Gogh

Altro racconto della galleria #Ioscattotuscrivi dedicato in questo mese alla parola #Arteingalleria

𝗟𝗘𝗢𝗣𝗔𝗥𝗗𝗜 𝗘 𝗩𝗔𝗡 𝗚𝗢𝗚𝗛
𝖨 𝖲𝖨𝖫𝖤𝖭𝖹𝖨 𝖤 𝖫𝖠 𝖲𝖮𝖫𝖨𝖳𝖴𝖣𝖨𝖭𝖤 𝖣𝖤𝖫 𝖯𝖮𝖤𝖳𝖠

La contemplazione della natura del Poeta solitario. La vita. La bellezza. La pace e l’angoscia. L’ossimoro e la complessità lirico-sentimentale della Pittura di Van Gogh richiamano Leopardi e il più celebre degli Idilli, “L’Infinito”.
Ogni cosa nasce e si sviluppa interiormente, dal sentimento del Poeta. Un angolo, una veduta. E così il mondo visto da una finestra dell’ospedale di Saint-Paul che dà sul giardino. Tormenti, lacerazioni, bisogni dell’animo. Van Gogh, suggestionato dal realismo attento al sociale e all’umano di Millet, pone l’enfasi sulla retorica e sul grido inespresso dell’animo, anticipando così l’Espressionismo.

Nella sua esperienza parigina, il pittore olandese ha la rivelazione della Luce finendo per allontanarsi dagli Impressionisti. Quella proposta da Van Gogh è un’esperienza sensoriale ulteriore, capace di trascendere la realtà fisica.
Due stelle uniche e irripetibili. Leopardi e Van Gogh. La loro Poesia nasce e si sviluppa dalla materia filosofica e dal sentire interiore. Sono i ricordi e gli aspetti spirituali a caricare di significati simbolici le composizioni. Tutto comincia dalla contemplazione di un colle solitario e di una siepe che impedisce agli occhi di poter osservare oltre. La congiunzione ‘ma’ è il tocco poetico paragonabile al cielo giallo e viola immaginato da Van Gogh.

Leopardi crea una contrapposizione lirico-sentimentale tra la vista fisico-oggettiva e quella interiore-romantica nella quale i silenzi si coniugano al plurale, mentre l’Io viene plasmato dal pensiero, al punto che il cuore trema attraversato dalla sensazione dell’Infinito.
Non esiste più lo Spazio, la prospettiva è deformata. Non esiste più il Tempo. E L’Infinito assume una forma eterea, consistenza liquida. ll Poeta si abbandona al piacere dei pensieri, che si tramutano in un mare cosmico. Non evasione, bensì presenza, profonda e intima riflessione esistenzialista.

𝗧𝗘𝗦𝗧𝗢/@ARTEARMONIANEISILENZI
𝗙𝗢𝗧𝗢/@SENNI.MAZZONI

Articoli correlati

Back to top button