Life Style

Finalmente la dieta funziona

Soluzioni definitive per dimagrire davvero.

Quando arriva il momento di dimagrire ci assalgono moltissimi dubbi tipo: perché non ha funzionato la dieta precedente? Cosa posso fare affinché la dieta dia (immediatamente) i risultati sperati? Come posso mantenere la linea recuperata e non riprendere i chili persi con tanta fatica?

Secondo alcuni studi sei donne su dieci decidono di mettersi a dieta (il numero degli uomini è in aumento) e una buona parte di queste esse c’ha già provato più di una volta senza però raggiungere il risultato desiderato. Iniziare una dieta e lasciarla a meta del percorso è purtroppo una triste realtà e questo accade molto spesso per noia, mancanza di motivazione o stress. A volte si perde qualche chilo che verrà recuperato nel giro di poco tempo, oppure si rimane al peso di partenza o addirittura c’è chi ingrassa. In ogni caso la dieta fallisce o per un motivo ben preciso oppure per una serie di fattori concomitanti ma se non si dimagrisce è perché non si segue la dieta in maniera corretta.

Si sa per certo che non tutti siamo uguali soprattutto al momento di dimagrire. Il regime alimentare ideale per la nostra migliore amica a noi può non far perdere un grammo. E questo perché ogni persona scende e aumenta di peso per motivi differenti. Ci sono persone con un metabolismo veloce che perderanno peso facilmente e chi invece suderà sette camice a causa di un metabolismo più lento. Ma è proibito scoraggiarsi, bisognerà capire qual è l’atteggiamento nei confronti del cibo, che relazione si ha con l’alimentazione, se si ha il vizio di spizzicare a tutte le ore o se si cerca qualche compensazione emotiva. Una cosa è certa: per dimagrire e mantenere il peso ideale è necessario seguire una dieta adatta alle proprie caratteristiche, adatta al proprio organismo e alle proprie esigenze. 

Per non sbagliare ancora abbiamo pensato di ripassare insieme a voi punto per punto tutto quello che si deve fare affinché la dieta abbia un buon esito e, una volta per tutte, perdere i chili di troppo.

Qual è il momento più indicato per iniziare una dieta e quando è il caso di rimandare?

Ci sono momenti nella vita che favoriscono il seguire un regime alimentare controllato come quando si è particolarmente contenti per un motivo come per esempio il raggiungimento di un obbiettivo al lavoro, il termine di un percorso di studi oppure il consolidamento di una relazione amorosa, ricordiamoci infatti che niente come l’amore ci incentiva a seguire una dieta!!

Ci sono dei periodi invece in cui è assolutamente sconsigliato iniziare una dieta come per esempio se si è subito un forte stress, se bisogna infondere energie in un particolare progetto, in questi casi prendiamoci del tempo.

Quindi si all’euforia, bandita la malinconia

Cammina cammina cammina un’ora al giorno a passo sostenuto. 

Qualunque dieta sarebbe incompleta se non includesse anche un minimo di esercizio fisico. Bisogna scegliere quello più adatto alle nostre condizioni fisiche, alla nostra età, al peso e al tempo libero di cui si dispone e se proprio non riuscissimo ad intraprendere alcuna attività sportiva scegliamo di andare a camminare all’aria aperta. I vantaggi della camminata sono diversi: 

  • Non occorrono particolari attrezzature, se non un paio di scarpette da running
  • Si può scegliere di farlo in qualsiasi ora della giornata 
  • Non ha nessun costo.

Bisognerebbe cercare di camminare almeno un’ora al giorno a buon passo, in posizione eretta e con la pancia indentro per far lavorare anche gli addominali (eh sì tutti abbiamo dei muscoli addominali sotto la tanto odiosa pancetta).

Questa attività consente di bruciare 250 calorie all’ora, tonifica i muscoli, consente di dimagrire più facilmente, diminuisce la fame e aumenta le endorfine facendoci sentire subito di buon umore.

Non porti grandi mete

Bisogna fare attenzione a non essere troppo ambiziosi rispetto agli obbiettivi finali perché perdere molti chili in poco tempo risulta sempre difficile ancor di più se si pensa di volerlo fare in poco tempo e si rischia che il peso perso velocemente si recupera in un breve lasso di tempo. Senza dimenticare che risulta più facile dover perdere pochi chili e quindi si è anche più motivati. 

Dimagrire non è sinonimo di castigo.

Scegliamo di seguire una dieta accessibile e che si adatti ai nostri gusti, che non sia troppo restrittiva e che ci siano alimenti che ci piacciono perché se già dall’inizio presenta degli inconvenienti avremo più possibilità di cadere in un fallimento. Al contrario una dieta varia, che ci permetterà alcuni cambiamenti a tavola e che contenga anche dei piatti gustosi (ti assicuro che è possibile) e facili da preparare, ci offrirà più garanzie per portare a termine la dieta con successo!!

Convinciti: puoi farcela!

È tutta una questione di testa e quindi dobbiamo ripeterci continuamente che non è tanto difficile, che possiamo riuscire a dimagrire e se ci convinciamo di questo siamo già un passo avanti. Non importa se altre volte abbiamo fallito, questa volta ce la faremo. Pensiamo a quanto saremo contente quando finalmente quel paio di jeans non tirerà più sul punto vita e quando riusciremo addirittura a perdere una taglia. Pensiamo soprattutto positivo perché niente come sentirsi ottimisti aiuta a vincere la battaglia contro la bilancia.

Informati sul tema 

Il sapere è importante e sarebbe una buona idea se nei giorni antecedenti l’inizio della dieta ci informassimo di più sull’alimentazione come per esempio conoscere le calorie degli alimenti principali concessi nella dieta senza però ossessionarci. Ricordiamoci sempre che è meglio peccare per difetto che per eccesso.

Poco e spesso.

Tutti conosciamo questo consiglio e sappiamo che è bene distribuire il cibo in 5 pasti al giorno (nessuno abbondante): colazione, spuntino di metà mattina, pranzo, merenda e cena. Tutto il contrario di quello che crediamo sia giusto e cioè spesso facciamo appena colazione e concentriamo gran parte del cibo tra il pranzo e la cena. Questa pratica è sconsigliata soprattutto per l’apporto di insulina. L’insulina è un ormone prodotto dal pancreas che facilita la penetrazione del glucosio nelle cellule per poterle alimentare. Se però si obbliga il pancreas a lavorare molto durante un breve periodo resterà inattivo a lungo cosicché potrebbe soffrire e avere degli sbalzi nella produzione di insulina. Inoltre si digeriscono molto più facilmente piccole quantità di cibo e l’organismo riceve nutrimento in maniera continuativa e noi ci sentiremo sempre energici e non avremo attacchi di fame. 

Non cenare troppo tardi

Durante il sonno si bruciano pochissime calorie e se ceneremo tardi o andremo subito a dormire dopo cena la digestione risulterà difficoltosa perché il processo metabolico è più rallentato rispetto alle prime ore della giornata e quindi sarà più facile accumulare. Dovrebbe esserci un margine di due ore tra la cena e il momento di andare a dormire. 

Non saltare i pasti

Esiste questa idea diffusa che saltare qualche pasto favorisca la perdita di peso ma è la cosa più sbagliata da fare perché se si mangia quando è consentito non si arriverà al pasto successivo con i morsi della fame!! Quindi se saltiamo un pasto poi compenseremo con quello successivo. Il processo metabolico della digestione prevede un dispendio energetico e di solito è maggiore degli alimenti che consumiamo per questo non va saltato nessun pasto. 

Fai una vita normale

Spesso abbiamo la convinzione che se siamo a dieta siamo fuori dal mondo e quindi saremo costretti ad evitare uscite con gli amici, pranzi in famiglia, cene fuori. Ma questo comportamento è sbagliato perché farà diventare la dieta una specie di stato eccezionale quando in realtà si tratta di una situazione normale e che non deve assolutamente condizionare la nostra vita sociale. Dobbiamo continuare ad andare al ristorante anche se dovremmo fare attenzione alla scelta del menù. Scegliamo proteine e verdure, evitiamo il dolce e scegliamo la frutta. Un’altra buona idea è organizzare delle cene a casa dove potremmo preparare un menù con piatti light ma gustosi.

Concentrati quando mangi

Sedersi a tavola e guardare la televisione, scambiare messaggi, parlare al telefono e altre distrazioni sono delle abitudini che andrebbero eliminate, soprattutto se si vuole perdere peso. Prima di tutto perché in questo modo è più facile mangiare di più in quanto non si presta grande attenzione a quello che abbiamo nel piatto e secondo perché così si mangia di corsa senza raggiungere il senso si sazietà. Infatti nello stomaco abbiamo dei recettori nervosi, quelli del volume, che dicono al cervello “è sufficiente, non mangiare più”. Questo vuol dire che se mangiamo lentamente si trova prima il senso di sazietà che mangiando di corsa; quando ci si alza da tavola con la fame si va di continuo a spizzicare. 

Ed infine dei piccoli accorgimenti:

  • Fare la spesa a stomaco pieno. Questo espediente sarà il modo migliore per non portare a casa alimenti proibiti e ipercalorici.
  • Non lasciare niente al caso. Cerca di avere sempre a casa tutti gli alimenti che ti servono per seguire il tuo piano alimentare.
  • Imparare a scegliere le alternative. Se per esempio hai un invito a cena non rinunciare ma invece di scegliere pasta al forno scegli carne con insalata.
  • Utilizzare piatti piccoli. Anche se le porzioni sono misere (o quasi) mettere il cibo in piatti piccoli aiuta ad avvertire una sensazione di sazietà e a placare la fame. 
  • Evitare a tutti i costi l’ansia. Niente è più tentatore del mangiare qualcosa col tentativo di distarsi e calmare i nervi. Tra l’altro quasi mai sono alimenti light!
  • Pesarsi una volta a settimana. Salire sulla bilancia ogni giorno può trarre in inganno perché si ha la sensazione di una modifica momentanea del peso. Bisogna pesarsi appena alzati, senza vestiti e dopo essere andati in bagno.
  • Bere molta acqua. Bisogna bere almeno due litri di acqua al giorno, la cosa migliore sarebbe bere un due bicchieri di acqua 20-30 minuti prima di ogni pasto. 
  • Cominciare con qualcosa di verde. Se la tua dieta include una porzione di verdura mangiala all’inizio del pasto perché cosi si riempirà prima il tuo stomaco, tra l’altro ha il vantaggio di essere ricca di fibre. 
  • Ridurre il consumo di sale. In nessun caso si deve abusare del sale ma soprattutto quando si vuole dimagrire perché il sale provoca ritenzione idrica, facendoci sentire più gonfi, e non aiuta affatto a perdere grassi.
  • Lavarsi i denti subito dopo ogni pasto principale. La sensazione di freschezza che dà il dentifricio in bocca è l’arma migliore per mantenere il cibo lontano per un bel po’. 

Ed ora, per scoprire qual è il tuo atteggiamento verso il cibo e scoprire la dieta più adatta a te, giochiamo un po’ insieme e fai il test che segue.

Rispondi alle domande spontaneamente, senza pensarci troppo e scegliendo la risposta che più si avvicina al tuo modo di essere. Segna il punteggio e il totale ti dirà qual è la tua personalità rispetto al cibo. 

Assegna ad ogni risposta: a=1 b=2 c=3 d=4

TEST

  1. Vai al ristorante e i tuoi amici chiedono un antipasto, due portate e il dolce: ti comporti come loro? 
  1. Mai 
  2. Raramente
  3. Spesso
  4. Sempre
  1. Sei molto annoiata e hai davanti una lunghissima serata. Apri la scatola di pasticcini per intrattenerti?
    1. Mai 
    2. Raramente
    3. Spesso
    4. Sempre
  2. Dopo un litigio con il partner o in famiglia, vai a cercare qualcosa da mangiare?
  1. Mai 
  2. Raramente
  3. Spesso
  4. Sempre
  1. C’è un pranzo abbondante, pensi a quante calorie hai ingerito? 
  1. Mai 
  2. Raramente
  3. Spesso
  4. Sempre
  1. Mentre guardi la televisione hai qualcosa in mano da stuzzicare?
  1. Mai 
  2. Raramente
  3. Spesso
  4. Sempre
  1. Quando prendi un caffe on un tè il pomeriggio lo accompagni con un dolcetto?
    1. Mai 
    2. Raramente
    3. Spesso
    4. Sempre
  2. Cuoci gli alimenti con un po’ di burro o con un po’ d’olio?
  1. Mai 
  2. Raramente
  3. Spesso
  4. Sempre
  1. Quando ti senti soddisfatta per qualcosa ti concedi un dolce?
  1. Mai 
  2. Raramente
  3. Spesso
  4. Sempre
  1. Quando cucini sei di quelle che leccano il cucchiaio con la scusa di assaggiare?
  1. Mai 
  2. Raramente
  3. Spesso
  4. Sempre
  1. Se devi scegliere un fine pasto preferisci una fetta di torta a un frutto?
  1. Mai 
  2. Raramente
  3. Spesso
  4. Sempre
  1. Quando hai problemi cerchi rifugio in un buon pasto? 
  1. Mai 
  2. Raramente
  3. Spesso
  4. Sempre
  1. Quando devi scegliere un tipo di cottura preferisci il fritto alla griglia?
  1. Mai 
  2. Raramente
  3. Spesso
  4. Sempre

 

Da 5 a 10 punti sei calcolatrice.

Sei prudente, riservata e disposta a controllare tutto senza lasciare niente al caso. Ti piace fare le cose per bene e non commetti eccessi. La tua dieta è vara, sana ed equilibrata.

Da 16 a 25 punti sei metodica.

Sei una persona intensa che mangia tutto. Sei facile alla risata, molto socievole e sfrutti tutto quello che la vita ti offre. Il tuo cibo preferito è casereccio e il light ti deprime.

Da 26 a 45 punti sei estroversa.

Sei combattiva, intuitiva, allegra e socievole, poco adatta alla solitudine anche se a volte ti chiudi in te stessa per rilassarti. Ti si addice una dieta varia che abbia un poco di tutto e ben combinato.

Da 46 a 65 punti sei nervosa.

Sei una donna che si preoccupa per gli altri ed introversa, per questa ragione a volte consoli la tua solitudine con il cibo anche se non hai fame. 

 

Ovviamente questo test non ha nessuna valenza scientifica ma ha il solo scopo di strappare una riflessione. È sempre necessario rivolgersi ad un medico prima di sottoposi a qualsiasi dieta perché potrebbero esserci delle controindicazioni o la necessità in un controllo speciale.

Ricordiamoci sempre però che la vera dieta è la conquista della consapevolezza di sé stessi, imparando ad amarsi e accettarsi. 

 

 

Articoli correlati

Back to top button