Attualità

Il Papa a piedi in via del Corso: va a pregare davanti al crocifisso che salvò Roma dalla “Grande peste”

Questo pomeriggio Papa Francesco ha lasciato il Vaticano in forma privata e si è recato in visita alla Basilica di Santa Maria Maggiore, per rivolgere una preghiera alla Vergine, Salus populi Romani.

(Roma)- Papa Francesco a piedi per Roma: un “breve pellegrinaggio”, questo pomeriggio, durato circa un’ora e mezza, fino alla chiesa di San Marcello al Corso dove si trova il Crocifisso miracoloso che nel 1522 venne portato in processione per i quartieri della città perché finisse la Grande Peste a Roma.

Poco prima il Santo Padre, dopo aver lasciato il Vaticano “in forma privata”, con qualche uomo della scorta a seguirlo a distanza, discretamente, si è recato in visita alla basilica di Santa Maria Maggiore, per rivolgere una preghiera alla Vergine, “Salus Populi Romani”‘, la cui icona è lì custodita e venerata.

È durata circa un’ora e mezza l’uscita, con cui il Papa ha voluto testimoniare ancora la sua profonda vicinanza con chi sta soffrendo, con chi sta curando, sta lavorando e sta avendo paura. E la preghiera davanti al crocifisso ligneo che protesse Roma dalla peste del Cinquecento è stata intensa. Come anche l’implorazione di una speciale protezione della Vergine che si venera nell’icona conservata nella basilica di Santa Maria Maggiore.

“Con la sua preghiera – sottolinea il Vaticano – il Santo Padre ha invocato la fine della pandemia che colpisce l’Italia e il mondo, implorato la guarigione per i tanti malati, ricordato le tante vittime di questi giorni, e chiesto che i loro familiari e amici trovino consolazione e conforto. La sua intenzione si è rivolta anche agli operatori sanitari, ai medici, agli infermieri, e a quanti in questi giorni, con il loro lavoro, garantiscono il funzionamento della società”.

 

Articoli correlati

Dai un'occhiata anche
Close
Back to top button