#ioscattotuscrivi

#STRADE “Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei”, dice il proverbio.

Altro racconto della galleria #Ioscattotuscrivi dedicato in questo mese alla parola #Strade

#STRADE “Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei”, dice il proverbio.
Beh… lei va da sola. Cammina per le vie con il libro della sua vita sotto al braccio, la voglia di sorprendersi, il desiderio di condividere, la sana incoscienza emotiva e il bisogno di conoscersi.

Abitudini strane le sue.

Ad esempio… quando si ferma, si siede per riprendere fiato, torna ad accarezzare le pagine del suo libro di vita. Lo fa con delicatezza, sfiorando le lettere, una dopo l’altra. I polpastrelli tengono il segno di un tempo scandito da giorni, attimi; la sua memoria rivive insuccessi, paure, speranze, vittorie, andate e ritorni. Sono lettere messe in riga, fin fuori ai margini, che le raccontano ancora una storia importante: la sua. Negli anni il suo camminare lo ha masticato pian piano, altre volte bevuto tutto d’un sorso. Quei suoi passi lenti, pazienti, svelti, decisi, ma anche stanchi, insicuri, falsi, continuano oggi a realizzare una strada, come fossero innumerevoli pezzi di un puzzle.
È bello vederla sorridere, quando i suoi occhi si soffermano sul ricordo di come gli ottimi voti li avesse ottenuti conoscendo le sue insufficienze. Carente anche nella conoscenza dei verbi, avendone imparati solo alcuni della prima coniugazione: amare, sperare, ascoltare, accettare, pazientare, lottare, ricominciare… tutt’oggi le sembrano fin troppi! Si è però dichiarata presente all’appello, ogni mattina, questo va detto!
È cocciuta! Vuole imparare sbagliando e ricominciare di nuovo, tendendo per mano la sua dignità. Inutile tentare di cambiarla!
Quasi tutti i giorni si ripete “la conoscenza della vita altrui sia come una danza scalza e avanzi in punta dei piedi, perché il cuore di ogni essere umano è terreno sacro a prescindere!”
Pensiero tatuato nell’anima, prima che nella mente, da cui riparte sempre, dopo aver allacciato le scarpe e bevuto un caffè, per accogliere e rispettare la vita degli altri e dare alla sua l’occasione di non perdere valore e significato. “Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei”, così dicono… ma lei cammina da sola, abbracciata alle sue strane abitudini.

𝗧𝗘𝗦𝗧𝗢/@ANGELIROBY
𝗙𝗢𝗧𝗢/@PINODDZ

Tags

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close