Economia

Manovra, fonti governo: su 8 mld per taglio tasse

Il superamento di Quota 100 resta terreno di scontro: per la Lega va mantenuta, per Confindustria non ha raggiunto gli obiettivi.

(Roma)-Nella Legge di bilancio verranno destinati 8 miliardi di euro al taglio delle tasse. Lo ribadiscono fonti di governo, spiegando che la cifra definita dal Documento programmatico di bilancio non cambierà: la discussione sullo stanziamento non sembra dunque destinata a riaprirsi, anche se nel merito dell’intervento (ad esempio sul mix della quota lato lavoratori e lato imprese per il taglio del cuneo fiscale) la valutazione è ancora in corso.

Più complicata sembra invece la soluzione relativa al tema delle pensioni che, dopo il “No” di Draghi a Quota 100 a favore di un “graduale ritorno alla normalità”, resta terreno di scontro. E sulle ipotesi di quote “provvisorie” come Quota 102 o Quota 104, lo stop arriva dalla Cgil, che parla di una misura “sostanzialmente inutile” perché coinvolgerebbe non più di 10mila persone.

Il leader della lega, Matteo Salvini, però, non demorde. E fa sapere di aver “scritto al presidente Draghi e sono a disposizione per incontrarlo quando vuole”, perché sarebbe “un errore rifinanziare il Reddito di cittadinanza e tagliare le pensioni”. Se non si vuole definirla Quota 100 e si preferisce “chiamarla con un altro nome va bene”, l’importante è che dal 1 gennaio non ci siano “scalini o scaloni, riavvicinamenti della Fornero. Deve essere garantito il diritto alla pensione dopo una vita di lavoro ai precoci, alle donne, ai lavoratori usuranti, ai dipendenti di piccole e media imprese”. E ribadisce che “intervenire a gamba tesa sulle pensioni non mi sembra il modo migliore per fare rialzare il Paese, anche perché ricordo che quota 100 ha dato lavoro a centinaia di migliaia di giovani”.


Non la vede così il leader di Confindustria, Carlo Bonomi, secondo il quale invece Quota 100 “è costata tanto e non ha raggiunto gli obiettivi, non c’è stato nemmeno un effetto sostituzione. Abbiamo 9 sistemi di prepensionamento, ognuno lascia un debito a carico dei giovani e neanche creando nuovi posti di lavoro, è un effetto perverso”. La strada da seguire, sostiene invece, sembra piuttosto quella dell’ampliamento dell’Ape sociale: “lo scalone va evitato, ma la soluzione non sono le quote”. Il problema vero, Secondo Bonomi, non è però solo quello delle pensioni ma riguarda “l’assalto alla diligenza” dei partiti, quelle “bandierine che spesso depreco come nefaste per il Paese” e che sono “Quota 100 ma anche il Reddito di cittadinanza che così com’è non funziona, ma ci si vuole mettere un altro miliardo prima di riformarlo”.

Articoli correlati

Back to top button